La Paloma

La Paloma Beniamino Gigli

Il dì che lasciai la terra pel vasto mar

O madre dice una prega pel marinar

E quando il vascel dall’ancora si staccò

Col pianto la mia fanciulla mi salutò

.

Bella, se il mar m’inghiotte tu vedi a sera

Una colomba bianca venir leggera

Aprile il tuo balcon, non mandarla via

Ch’essa portar sol l’anima potria

.

La vo’ lieto cantar

Gaio è il marinar quando la fronte la brezza

Carezza lieve s’increspa il mar

.

La vo’ lieto cantar

Gaio è il marinar quando la fronte la brezza

Carezza lieve s’increspa il mar

.

Alfin giunti siamo a terra mio

Dio mercé Mia madre ho scorto a riva ma sola ell’é

Che fu ella tace e prendemi sol la man

Tremante con sé m’attira di là lontan

.

Oh che veggio una tomba e poi più nulla

Ah, la colomba bianca è la mia fanciulla

Ei, marinar tu dormi e la guardia muta

O sogno tu padron non l’ho perduta

.

La vo’ lieto cantar

Gaio è il marinar, quando la fronte la brezza

Carezza lieve s’increspa il mar

.

La vo’ lieto cantar

Gaio è il marinar, quando la fronte la brezza

Carezza lieve s’increspa il mar

.

Advertisements

Ostavite odgovor

Popunite detalje ispod ili pritisnite na ikonicu da biste se prijavili:

WordPress.com logo

Komentarišet koristeći svoj WordPress.com nalog. Odjavite se / Promeni )

Slika na Tviteru

Komentarišet koristeći svoj Twitter nalog. Odjavite se / Promeni )

Fejsbukova fotografija

Komentarišet koristeći svoj Facebook nalog. Odjavite se / Promeni )

Google+ photo

Komentarišet koristeći svoj Google+ nalog. Odjavite se / Promeni )

Povezivanje sa %s

%d bloggers like this: